Covid-19

APICE è un’organizzazione che lavora molto nell’ambito della mobilità internazionale per l’apprendimento attraverso i programmi Erasmus+ e Corpo Europeo di Solidarietà e le notizie riguardo la diffusione e gli effetti del COVID-19, meglio conosciuto come Coronavirus, ci hanno imposto di informarci nella maniera più esaustiva e certa possibile sulle procedure da seguire per assicurare che tutti i nostri progetti e i partecipanti coinvolti siano sicuri e protetti.

Tutte le informazioni utili per le Associazioni 

In data 25/02/2020, dopo aver ricevuto comunicazione dall’Agenzia Nazionale Giovani sulla gestione dell’emergenza epidemiologica da CODID-19, la Presidente APICE ha contattato gli organismi nazionali e regionali preposti, ovvero il Ministero della Salute e i numeri verdi delle Regioni in cui APICE opera.

Di seguito le informazioni ottenute, che condividiamo affinché possano essere di utilità per tutte le organizzazioni giovanili, gli youth workers, i formatori e gli operatori che a vario titolo lavorano in questo settore:

  •  rispetto ai partecipanti che  stanno già prendendo parte a progetti di mobilità in corsoad oggi non esistono restrizioni per il rientro degli italiani da zone non infette ne obbligo di quarantena, a meno che durante la permanenza non appaiano casi proprio in quelle zone e i connazionali vi siano esposti. In quel caso bisogna contattare l’ASL al rientro e seguire i protocolli che saranno diramati sul sito della Farnesina e del Ministero della Salute;
  • rispetto alle prossime partenze previste verso zone non infette, vale quanto detto sopra, quindi a meno che durante il soggiorno non si verifichino casi accertati di Coronavirus, non è prevista l’attivazione di protocolli di quarantena obbligatoria al rientro;
  • in entrambi i casi non è prevista che possa essere impedito il rientro di italiani da zone non infette o infette (i protocolli da seguire saranno però diversi) ed è sempre possibile optare per forme volontarie di quarantena per precauzione, specialmente in presenza di familiari o coinquilini con con problemi di salute;
  • rispetto all’ipotesi di ospitare giovani internazionali sui nostri territori per prossime attività internazionali o far partire giovani italiani per la realizzazione di progetti di cui siamo partner: è consigliabile avvisare tutti i partner E+ ed ESC della situazione italiana, specificare se ad ora nelle aree di progetto sono stati accertati casi di Coronavirus, valutare insieme ai Partner se ci sono le condizioni necessarie per realizzare le attività in sicurezza, tenendo in considerazione che non possiamo controllare l’eventuale insorgenza di nuovi casi in aree limitrofe durante lo svolgimento delle attività, potendo cancellare, spostare o modificare il piano delle attività previste;
  • rispetto ai biglietti aerei già acquistati: per i voli che transitano via Milano, alcune compagnie stanno proponendo il re-booking via altri aeroporti o la cancellazione con rimborso;
  • rispetto ai biglietti dei treni già acquistati: Trenitalia ha attivato una serie di misure tra cui il rimborso in bonus per chi decide di non partire. Tutte le info qui https://www.trenitalia.com/it/informazioni/coronavirus–gruppo-fs-italiane–misure-e-iniziative.html
  • Il link al sito della Farnesina con tutti gli aggiornamenti rispetto ad aree infette e protocolli da seguire è questo http://www.viaggiaresicuri.it/documenti/FOCUS%20CORONAVIRUS.pdf
  • numeri di contatto a livello nazionale sono 1500 (specifico per il Coronavirus) o il 112;
  • numeri verdi delle Regioni che ad ora hanno istituito delle linee apposite sono:
    • Alto Adige 800751751
    • Calabria 800767676
    • Campania 800909699
    • Emilia Romagna 800033033
    • Friuli Venezia Gilia 800500300
    • Lombardia 800894545
    • Marche 800936677
    • Piemonte 800333444
    • Toscana 800556060
    • Umbria 800636363
    • Valle d’Aosta 800122121
    • Veneto 800462340

Invitiamo le organizzazioni giovanili che siano a conoscenza di ulteriori raccomandazioni e informazioni utili a condividerle e farle circolare per facilitare ed ottimizzare un’adeguata risposta alle necessità dei partecipanti garantendo la salute pubblica in Italia e nel resto dei paesi in cui operiamo.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *